“Ciao a tutti, mi chiamo Alberto, ho 30 anni e svolgo un lavoro abbastanza alienante. Sono un programmatore informatico per una grande azienda e passo praticamente tutta la giornata davanti un pc. Da quando c’è stata la pandemia non mi reco neanche più in ufficio ma lavoro completamente da casa e questo mi ha portato ad accumulare stress, quindi mai come quest’anno ho desiderato con tanta trepidazione il periodo delle vacanze, avendo grande bisogno di staccare da tutto e di uscire fuori da casa mia. Per l’organizzazione ho dovuto aspettare la mia ragazza Carla, dato che lei studia alla magistrale ed é stata impegnata fino a luglio con un esame importante, ed essendo molto scaramantica ha voluto pensarci solamente dopo essersi liberata di questo peso. Dopo averlo superato, quindi, abbiamo iniziato a parlare di come avremmo dovuto muoverci per queste vacanze, il mio unico desiderio era rilassarmi e non fare nulla dalla mattina alla sera, ma lei aveva un idea di relax tutt’altro diversa e questo ha portato al litigio.”

#1/17

#2/17

#3/17

#4/17
CONTINUA A LEGGERE QUESTA STORIA CLICCANDO QUI SOTTO SU “SUCCESSIVA”