Ti sei perso la prima parte? Leggila qui

“Alessio insisteva per salire a casa e io non avevo alcuna voglia di permettergli una cosa del genere. La situazione si stava facendo sempre più confusa e non era quello che volevo, perché si trattava di un tema troppo delicato per essere affrontato con questa superficialità. Così ho ripetuto ad Alessio di tornarsene a casa per affrontare l’argomento in un altro momento e con più calma….visto anche lo stato in cui si trovava.

Non era cambiato per niente, era ancora un ragazzino…
Quando ho letto i suoi messaggi mi sono preoccupata molto, sono sincera… Ho pensato tante cose, tutte insieme. Lui continuava a inviare messaggi a raffica non dandomi nemmeno il tempo di pensare.
Sicuramente qualcuno mi giudicherà male dopo che leggerete queste chat ma non è facile trovarsi in una situazione simile, fidatevi… Da fuori si può pensare che sia molto semplice ma non lo è…
In realtà io credevo che questa situazione non si sarebbe mai verificata e i messaggi di Alessio mi hanno proprio sconvolto… “

#1/17

#2/17

#3/17

#4/17
CONTINUA A LEGGERE QUESTA STORIA CLICCANDO QUI SOTTO SU “SUCCESSIVA”