“Ciao a tutti spunte Blu. Oggi voglio condividere con voi delle chat che pochi avrebbero il coraggio di condividere. Se non dico il mio nome è perché questa chat non riguarda solo me, ma tutte le ragazze che sono state vittime di qualche maniaco.

Ero ad una serata con amici ieri sera, sono una ragazza estroversa, sicura del proprio corpo e che non si fa problemi a cercare il contatto fisico con le persone (Non per secondi fini, semplicemente perché è il mio modo di relazionarmi).

Alla festa vedo un ragazzo, molto conosciuto nella zona. È il classico spaccone, che fa morir dal ridere alle feste, ma che sai che dovresti starci lontana.

Ragazze, attente a chi date confidenza. 

Lui mi ha approcciata con una battuta, io sapevo che non dovevo dargli corda, ma quella sera volevo farmi pochi problemi.

Iniziamo a scherzare, parliamo un po’ e mi non mi sembra il solito cogli*ne che tutti credono.

Io NON avevo secondi fini con lui. Ero solo stressata e volevo divertirmi.

Si fa tardi, ho bevuto un po’, e gli chiedo se può accompagnarmi a casa (Così strana come richiesta?)

Lui acconsente, entriamo in macchina, mi apre anche la portiera, percorriamo la classica strada ed a un certo punto lui svolta e si dirige verso un parcheggio.

Non sapevo le sue intenzioni e sentivo che l’alcool iniziava a fare effetto.

Si ferma, mi guarda, e senza pensarci in un attimo mi abbassa il sedile e mi salta addosso.

Io cerco di allontanarlo, ma lui continua, lo aveva preso come un gioco. 

Ad un certo punto urlo e lui mi lascia.

Lui da solito bonaccione la mette sul ridere, quando si vedeva chiaramente che la cosa gli bruciava, mentre io ero ancora scioccata.

Mi riporta a casa, io scendo più velocemente possibile dalla macchina ed entro.

Poco dopo mi ritrovo un suo messaggio”.

#1/11

#2/11

#3/11

#4/11
CONTINUA A LEGGERE QUESTA STORIA CLICCANDO QUI SOTTO SU “SUCCESSIVA”