“Salve a tutti. Sono in una crisi genitoriale col mio ragazzo Simone, ha 28 anni. Io mi chiamo Lucrezia ed ho 26 anni. Ben 4 anni fa è nato dal nostro amore Giorgio. 

Purtroppo è proprio lui la mia preoccupazione primaria. Purtroppo io per lavoro sono costretta a muovermi molto e Simone, la mattina soprattutto, non è sempre in casa ecco perché ho deciso di mettere delle telecamere in casa, per monitorare un po’, per paura dei ladri. 

Mi pento di non averle messe su in terrazza, ora mi sarebbero servite tantissimo soprattutto per quello che Simone fa. Da mesi oramai è dedito a questa nuova credenza, come la definisco io, del mental coaching. 

Ha seguito questo corso online. Ovviamente lo vedevo cambiare, faceva delle cose abbastanza discutibili, ma è la sua vita e va bene così, alla fine non è che potevo monitorarlo 24h su 24, quindi non sapevo cosa facesse con esattezza. 

Fatto sta che la sera della conversazione, io ero fuori e volevo un po’ vedere casa, se fosse tutto ok. Vedo che non c’era nessuno e mi preoccupo perché Simone non mi aveva avvisato che sarebbero usciti. 

Fatto sta che erano in terrazza, al freddo e al gelo, a fare degli “allenamenti”. Io mi sono opposta perché non è normale fare cose simili con un bambino di soli 4 anni. 

Ora sono davvero in crisi perché Simone non ne vuole sapere di cambiare ed io non so cosa fare. Voi avete esperienza? Sapete consigliarmi qualcosa?”.

#1/15

#2/15

#3/15

#4/15

CONTINUA A LEGGERE QUESTA STORIA CLICCANDO QUI SOTTO SU “SUCCESSIVA”