“Ciao Spunteblu. Io non riesco a capire perché la mia famiglia mi deve sempre mettere i bastoni tra le ruote. E certo, anche io in vita ho preso qualche cantonata, ma se non provi mai niente non fai mai niente. I miei genitori mi dicono un giorno che siccome sono convinti che sono intelligente (perché secondo loro “leggo molto”) dovrei fare concorsi per lavorare in aziende o cercare una raccomandazione da qualche parte, magari dal vescovo, per lavorare in un ufficio pubblico, il giorno dopo, dalla stessa bocca, mi devo sentir dire che dovrei andare a cercare lavoro tra i netturbini o a raccogliere la frutta. Io ho provato a studiare all’università ma non sono riuscito a mantenermi, i progetti che avevo fatto sono colati a picco e da due anni (non c’è bisogno che vi dica come mai) sono ridotto a fare lavoretti come il porta-pizza. So bene che i soldi non crescono sugli alberi ma sono stufo marcio di tutto. Se proprio mi deve andare male, mi vada male mentre cerco di fare il massimo. Il peggio è doversi sorbire quell’impicciona di mia sorella che l’unica cosa che ha fatto per sistemarsi non è stata né studiare né provare una carriera ma soltanto mettersi con la persona giusta. E proprio lei ha provato a mettere il naso negli affari miei.”

#1/11

#2/11

#3/11

#4/11
CONTINUA A LEGGERE QUESTA STORIA CLICCANDO QUI SOTTO SU “SUCCESSIVA”