“Ciao a tutti, mi chiamo Eugenio e da un po’ di tempo aiuto la mia famiglia a prendersi cura di mio nonno, che da qualche mese a questa parte sta un po’ perdendo colpi… ma lui ha anche ottant’anni, e lo capiamo che sta soffrendo anche dopo il lockdown in cui forse è peggiorato perché, dicono, “ha avuto meno stimoli”. A me, da quello che è saltato fuori mentre cercavo di fare una commissione a casa sua, pare che di stimoli continua ad averne, ma mia mamma non ne vuole sapere. Praticamente, ero passato da lui a ritirare dei documenti e un paio di cose che ci servivano perché prima o poi dovremo chiedere a una struttura di prendersene cura, visto che io tornerò a vivere in un’altra città e i miei non ce la fanno più a starci dietro. È una soluzione che pesa un po’ a tutti, ma l’unico che non sembra preoccupato è lui, nonno. Insomma, ero da lui che mi chiedeva se fossi quello delle poste perché non mi riconosce più, quando ho visto una cosa che mi ha fatto aprire gli occhi su certe sue manie, tra cui la necessità di una buona pulizia in casa. O meglio, sulla donna delle pulizie. “

#1/10

#2/10

#3/10

#4/10CONTINUA A LEGGERE QUESTA STORIA CLICCANDO QUI SOTTO SU “SUCCESSIVA”