Una gravidanza critica

Quando arriva la cicogna a bussare alla tua porta la tua vita si stravolge in maniera inesorabile. Nel bene o nel male il tuo modo di vedere le cose cambierà inesorabilmente, poiché la nascita di un figlio farà si che da quel momento in poi e per i prossimi 20-30 anni (ma in alcuni casi anche 40-50) la vita di un essere umano dipenderà solo ed esclusivamente da te. 

Nei primi 5 anni di vita del fanciullo, o della principessa, dovrai fare attenzione a quel che dici, a come ti comporti, perché sarai da esempio e tutto quel che farai verrà assorbito in maniera estremamente veloce;

Dai 5 ai 10 anni il bimbo comincerà a formare un pensiero autonomo, ancora acerbo, ti riempirà di domande e tu dovrai saper rispondere, con la calma e la pazienza che solo un buon genitore può avere;

Dagli 11 anni in poi comincerà l’adolescenza e arriveranno i primi grandi periodi di crisi, il bimbo infatti inizierà a formare un pensiero critico che lo porterà ad estremizzare qualunque cosa gli passerà per la testa pur di riuscire a distinguersi dal mondo circostante. Conoscerà l’amore, la sofferenza e i primi fallimenti che, oltre alle vittorie, lo porteranno ad essere l’uomo o la donna che sarà.

E qui mi fermo, perché quel che succede dopo i 20 anni è un tasto dolente che possiamo evitare. Diciamo che la società ci impone di trovare un lavoro, sposarci, fare dei figli e di invecchiare senza rompere i coglioni. Tutto ciò che si discosta da questo modello sarà sbagliato.

Ma veniamo alla storia del giorno, una gravidanza per l’appunto, improvvisa, che ha stravolto la vita di una giovane coppia. Leggete qui sotto cosa è accaduto e, come sempre, se avete anche voi delle storie da raccontarci, scriveteci un messaggio su facebook. Buona lettura.

2
3
4

Commenti

Mentire di fronte alle spunte blu di WhatsApp

Community nata su Facebook il 6 Novembre 2014 ad opera di Marco Weiss, che in una fredda sera d'inverno, ha finalmente incontrato la pazzia dopo aver udito delle strane voci provenire dal suo telefono...

Inviaci i tuoi screen