La storia di stasera può apparire poco chiara, quindi vi invitiamo a leggere prima queste poche righe.

A scriverci è Maurizio, un ragazzo di 28 anni, per raccontarci la sua esperienza con una ragazza di nome Emma. La conversazione riguarda un momento in cui due ormai avevano chiuso da tempo, ma lui dopo mille ragionamenti e pensieri aveva deciso di riscriverle, perché nonostante tutto continuava a pensare a lei.

Ecco, vi siete mai trovati in questa situazione?

Tutti noi abbiamo dovuto affrontare la fine di una relazione, di pochi mesi o di qualche anno, ogni relazione ci lascia qualcosa che andrà a far parte del nostro personalissimo bagaglio d’esperienza che ci permetterà di affrontare i rapporti sentimentali futuri con qualche consapevolezza in più… ma anche con qualche timore. 

Si perché se a volte usciamo da relazioni brevi che riusciamo a metterci facilmente alle spalle, certe volte invece ci ritroviamo a girare su noi stessi, senza perché, ponendoci mille domande e chiedendoci come mai le cose non sono andate come avremmo voluto. E allora i sensi di colpa faranno da padroni e passeremo interi pomeriggi e serate ad autoconvincerci che abbiamo sbagliato tutto e che della vita non abbiamo capito un cazzo.

Poi però arriviamo ad un momento in cui capiremo alcune cose, e anche se magari continueremo ad ammettere che della vita non abbiamo comunque capito un cazzo, da una parte si apre uno spiraglio di luce che ci porterà a prendere una decisione: tornare indietro o andare avanti.

E si sa, quando si tratta di amore spesso si fa fatica a lasciarsi alle spalle qualcosa di importante, ma a volte per orgoglio preferiamo dimenticare. 

Ma oggi Maurizio ha deciso che questo orgoglio andava messo da parte, capendo che era arrivato il momento di riscrivere a quella ragazza che aveva colpito il suo cuore, e così, mettendo da parte qualunque tipo di aspettativa, le ha scritto per farle sapere quanto ancora gli mancasse. Buona lettura.

2
3